Speciale mostre d’arte

La stagione più fredda ci offre la possibilità di passare del tempo visitando bellissime mostre in giro per la nostra regione.
Una selezione di eventi, alcuni anche gratuiti, dall’arte antica al contemporaneo, da Leonardo a Kapoor, ma anche la storia del “Giallo Mondadori” e dei libri Einaudi, per finire con un omaggio ad un’amicizia tra un grande artista e un grande scrittore, perché è scientificamente provato che la cultura fa bene alla salute e non importa essere esperti d’arte o intellettuali, basta solo essere curiosi del mondo!

Si consiglia di verificare sempre le informazioni attraverso i siti e/o i numeri di telefono indicati.

A San Giovanni Valdarno (AREZZO) grazie ai progetti Piccoli Grandi Musei e Uffizi Diffusi rispettivamente di Fondazione CR Firenze e Uffizi, il pittore Giovanni da San Giovanni (1592-1636), torna nella sua terra natale con la mostra Bizzarro e capriccioso umore. Giovanni da San Giovanni, pittore senza regola alla corte medicea, che raccoglie dieci tondi dipinti su stuoia e altre opere provenienti dalle Gallerie degli Uffizi e da altre collezioni nel Museo delle Terre Nuove (Piazza Cavour, 1) e nel Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie (P.za Masaccio, 8).
I lavori del maestro sono caratterizzati da una pittura luminosa dai freschi colori e da un notevole estro e per questo fu apprezzato da prestigiosi committenti come i Granduchi di Toscana.
La curatela è di Silvia Benassai, Cristina Gnoni Mavarelli, Valentina Zucchi (Museo Terre Nuove); Michela Martini (Museo della Basilica di Santa Maria delle Grazie). Visitabile fino al 31 marzo 2024
ORARIO: dal martedì al venerdì 15.00-19.00; sabato e domenica 10.00-13.00 /15.00-19.00; lunedì chiuso
BIGLIETTI: intero € 10– ridotto € 7. Il biglietto permette di visitare entrambe le sedi della mostra e i due musei.
INFO: https://www.museoterrenuove.it/ – tel. 055.9126213

A CARRARA un evento molto particolare dove il pubblico potrà avvicinarsi alle opere d’arte solo con il tatto e la percezione sonora. Il Comune ed il Muda-museo delle arti Carrara (Via Canal del Rio n. 1) in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e del Club Alpino Italiano Sezione di Carrara hanno organizzato la mostra Sentire la forma con l’artista Beatrice Taponecco (www.beatricetaponecco.com)
Il progetto curato da Laura Barreca, è il risultato di un processo progettazione e di collaborazione tra la scultrice e un gruppo di persone non vedenti. All’interno dello spazio sono esposte in un ambiente buio cinque sculture in marmo statuario selezionate dai non vedenti nello studio dell’artista spezzina che vive e lavora a Carrara, in base alle sensazioni tattili scaturite dalla relazione con la forma e la materia. Solo toccando le sculture quindi il pubblico potrà percepire la forma delle sculture in un’esperienza tattile inusuale. La musica “Beatrice che scava la pietra”, ideata dal compositore Andrea Nicoli, amplificherà l’esperienza sensoriale. L’evento sarà visitabile fino al 4 febbraio 2024.
ORARI: da martedì a domenica ore 9.00-12.00 e 14.00-17.00, chiuso il lunedì; chiuso, 25-26 dicembre, 1 gennaio, aperto 24 e 31 dicembre ore 9.00-12.00
BIGLIETTO di ingresso al Museo (comprensivo della visita alla mostra): intero € 5.00, ridotto € 3.00
INFO: https://mudac.museodellearticarrara.it/

A Saturnia (GROSSETO) Il Polo Culturale Pietro Aldi (Via Vittorio Veneto 19) ospita la mostra “Passioni di un collezionista. Dipinti fiamminghi e olandesi del Cinque e Seicento” che rimarrà aperta fino al 1 aprile 2024.
Il racconto degli intensi scambi e dello stretto rapporto tra la scuola pittorica italiana e quella fiammingo-olandese, ricostruito dal prof. Meijer, autore del progetto espositivo, appassiona quasi quanto un romanzo ed è una sorta di guida ideale per visitare la mostra di Saturnia. Ognuna delle 17 opere esposte, date in prestito da un collezionista romano, racconta storie di grande interesse, profondamente legate anche a soggiorni in Italia degli autori.
Il Polo Aldi oltre che museo di rilevanza regionale, fa parte del Sistema Musei di Maremma https://www.museidimaremma.it/
Ingresso gratuito
ORARI: martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle 12.30, il giovedì e sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Chiuso domenica e lunedì.
INFO Tel. 0564.601259- 3381224322 – info@poloaldi.it

A FIRENZE
Palazzo Strozzi ospita la mostra di Anish Kapoor “Untrue Unreal”
Sir Anish Kapoor, uno dei più famosi artisti al mondo, noto per aver rivoluzionato l’idea di scultura nell’arte contemporanea, è nato in India nel ’54 e vive tra Londra e Venezia.
“Le sue opere uniscono spazi vuoti e pieni, superfici assorbenti e riflettenti, forme geometriche e biomorfe. In un mondo in cui la realtà sembra sempre più sfuggente e manipolabile, Anish Kapoor ci sfida a cercare la verità oltre le apparenze, invitandoci a esplorare il territorio dell’inverosimile (untrue) e dell’irreale (unreal)“.
L’evento, curato dal Direttore della Fondazione Arturo Galansino, durerà fino al 4 febbraio 2024.
ORARIO: tutti i giorni 10.00 – 20.00 – giovedì 10.00 – 23.00 (inclusi i festivi).
BIGLIETTI: intero 15 € – ridotto 12€, acquistabili sia in mostra che sul sito palazzostrozzi.org.
INFO: Tel. 055.2645155 da lunedì a venerdì 9.00-18.00 – prenotazioni@palazzostrozzi.org – https://www.palazzostrozzi.org/

– Il Museo Novecento (Piazza Santa Maria Novella 10) rende omaggio con la mostra “Beauty and Desire” a uno dei più grandi e dissacranti fotografi del Novecento, Robert Mapplethorpe (New York, 1946 – Boston, 1989), tramite un raffronto inedito con gli scatti del fotografo tedesco Wilhelm von Gloeden (Wismar, 1856 – Taormina, 1931) e alcune immagini dei Fratelli Alinari. “Un confronto evocativo e a tratti puntuale, che rivela il ricorrere di temi comuni; motivi che attraversano il tempo e giungono fino a noi, ponendosi come spunti di riflessione sull’attualità e su come arte, morale e spiritualità cambino e si evolvano nella loro reciproca relazione”. La mostra curata da Sergio Risaliti con Eva Francioli e Muriel Prandato sarà visitabile fino al 14 febbraio 2024.
ORARIO da lunedì a domenica 11-20. Chiuso giovedì
BIGLIETTI: intero € 9,50 – ridotto € 4,50
INFO: tel 055.2768224 – https://www.museonovecento.it/

– Il Museo degli Innocenti (piazza SS. Annunziata 13) rende omaggio con ben 200 opere al grande Maestro del art nouveau Alphonse Mucha (Ivančice, 1860- Praga 1939 Cechia) famoso per le illustrazioni, i poster teatrali e quelli per la nascente pubblicità con le sue incantevoli e sensuali figure femminili.
Nel 1887 l’artista ceco si trasferisce nella Parigi della Belle Époque, qui il sodalizio con la “divina” attrice di teatro Sarah Bernard accresce la sua fama e Mucha diviene così ricercatissimo anche dalle industrie come Nestlé e Moët & Chandon che si contendono i suoi manifesti. Patriota e sostenitore della libertà politica degli slavi, nel 1910 torna nella sua Praga e si dedica per quasi un ventennio al suo capolavoro l’Epopea slava, un’opera composta da venti grandissime tele in cui racconta le più importanti vicende della storia slava.
L’esposizione Alphonse Mucha. La seduzione dell’Art Nouveau, visitabile fino al 7 aprile 2024, è promossa da Arthemisia e Museo degli Innocenti con il patrocinio del Comune di Firenze e dell’Ambasciata della Repubblica Ceca, organizzata in collaborazione con la Fondazione Mucha e In Your Event by Cristoforo.
La curatela è di Tomoko Sato con la collaborazione di Francesca Villant.
ORARIO: tutti i giorni 9.30 – 19.00. Aperture straordinarie: 8 dicembre 9.30 – 19.00; 24 dicembre 9.30 – 15.00; 26 dicembre 9.30 – 19.00; 31 dicembre 9.30 – 15.00; 1° gennaio 12.30 – 19.00; 6 gennaio 9.30 – 19.00; 31 marzo 9.30- 19.00; 1°aprile 9.30 – 19.00. 25 dicembre chiuso.
BIGLIETTI: intero 16,00 €, ridotto 14,00 €.
INFO: tel.055.0981881 – https://www.museodeglinnocenti.it/

Al Museo della Città di LIVORNO (Piazza del Luogo Pio, 19) il 20 dicembre apre l’esposizione Leonardo da Vinci. Bellezza e invenzione che sarà vistabile fino al 1 aprile 2024. In mostra 15 disegni autografi del Codice Atlantico dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, il Codice sul Volo degli Uccelli dalla Biblioteca Reale di Torino ed ancora disegni e dipinti leonardeschi per un totale di circa 70 opere.
L’evento è promosso ed organizzato dal Comune di Livorno insieme a Metamorfosi Eventi.
Come spiega la curatrice Sara Taglialagamba, “Leonardo ha ampiamente studiato il territorio, catalizzando la sua attenzione sulla città di Livorno (di cui descrive il Porto pisano, il faro trecentesco chiamato Fanale e la torre quattrocentesca detta Torre del Marzocco) e Piombino, dove si reca per ben due volte per occuparsi della fortificazione della città.
Ma c’è un altro filo che lega Leonardo da Vinci a Livorno, una storia di un disegno grottesco autografo di Leonardo, appartenuto al rabbino livornese Ilo Giacomo Nunes, frutto delle ricerche durate otto anni del livornese Massimo Signorini.
A gennaio poi, in occasione dell’inaugurazione del nuovo allestimento della sezione contemporanea del museo, curato dal direttore scientifico Paolo Cova, si potranno ammirare le opere della collezione permanente del Comune di Livorno di grandi artisti come Lucio Fontana, Piero Dorazio, Pino Pascali che evidenzieranno la suggestione che il genio di Leonardo esercitò su di loro. A queste si aggiungeranno opere di Keith Haring, Arnaldo Pomodoro, Aligi Sassu ed altri appartenenti alla Nuova Fondazione Rossana e Carlo Pedretti.
ORARIO: dal lunedì al venerdì 10.00-19.00 ; sabato, domenica e festivi 10.00-21.00; 24 dicembre e 31 dicembre chiusura ore 20.00
BIGLIETTI: intero € 15,00¸ ridotto € 10,00, cumulativo con Museo Fattori € 18,00
INFO: tel. 0586 824551 – https://www.museodellacittalivorno.it/

A Pietrasanta (LUCCA) nella Sala del Capitolo – Chiostro di Sant’Agostino (Via Sant’Agostino 1) un omaggio ad un pezzo della storia del nostro paese: il celeberrimo “Giallo Mondadori”.
La mostra, visitabile fino al 14 gennaio 2024, racconta la storia della collana, dai suoi esordi nel 1929, e del genere letterario poliziesco.
L’evento, curato da Franco Forte, è stato realizzato in collaborazione con Fondazione Rosellini e Fondazione Mondadori, con il patrocinio del Comune di Pietrasanta.
ORARIO: da martedì a venerdì ore 16.00-19.00 | sabato e domenica: 10.00-13.00 / 16.00-19.00. Lunedì chiuso
Ingresso gratuito
INFO: tel. 0584795500 – http://www.museodeibozzetti.it/

Palazzo BLU a PISA (Lungarno Gambacorti 9) presenta la mostra “Le avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of art”.
Da uno dei musei più importanti al mondo arrivano 40 opere tra dipinti e sculture che offrono al visitatore un’occasione imperdibile per ammirare i capolavori dei giganti dell’arte del Novecento come Chagall, Dalí, Duchamp, Kandinsky, Miró, Picasso, Matisse, Mondrian, Klee. Artisti accomunati da un filo rosso: quello di aver rivoluzionato per sempre il corso della storia dell’arte, accogliendo il cambiamento del mondo e incarnando le drammatiche contraddizioni del “secolo breve”.
L’evento visitabile fino al 7 aprile 2024 è curato da Matthew Affron del Museo di Philadelphia con la consulenza scientifica di Stefano Zuffi.
ORARIO: lunedì – venerdì 10-19; sabato, domenica e i festivi 10-20 (Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura)
BIGLIETTI: intero: 14,00 € – ridotto: 12,00 €. E’ possibile acquistare i biglietti on-line su Vivaticket
INFO: tel. 050.916950 – info@palazzoblu.it – www.palazzoblu.it

A PISTOIA alla Biblioteca San Giorgio (via S. Pertini, 340) fino al 31 gennaio 2024 si può visitare la mostra ”In principio fu l’Einaudi Piccolo viaggio sentimentale nell’officina estetica del libro Einaudi” (Atrio Sala Dipartimenti – Sala Desideri).
In occasione dei 90 anni della casa editrice Einaudi (1933-2023), la Biblioteca propone un piccolo viaggio estetico-sentimentale tra alcune delle collane einaudiane più significative per la cultura italiana del’900. La mostra focalizza l’attenzione soprattutto sulle collane letterarie e attingendo dalle proprie collezioni e dai fondi (soprattutto dalla Donazione Annapaola Campori Mettel) intende “ripercorrere alcune tappe salienti della gloriosa storia della casa editrice torinese, arrestandosi all’Einaudi di Munari (1957-1983), culmine mirabile e celeberrimo, che con la NUE e la PBE assurgerà a punto di riferimento imprescindibile del graphic-design editoriale novecentesco”.
Ingresso gratuito
ORARIO biblioteca: lunedì: 14-19 e dal martedì al sabato: 9-19; chiusa la domenica e festivi
INFO tel. 0573.371600 – https://www.sangiorgio.comune.pistoia.it/

PRATO
Al Museo del Tessuto (Via Puccetti 3) è sempre visitabile fino al 3 marzo 2024 un’affascinante mostra dal titolo Due Secoli di Textile e Fashion Design dove oltre 100 oggetti, alcuni inediti, tra abiti maschili e femminili, tessuti per abbigliamento e per arredamento, figurini di moda, libri campionario, accessori moda raccontano le trasformazioni del settore tessile dalla fine del Settecento fino alla metà del Novecento.
Allestita in ordine cronologico, infatti, l’esposizione illustra le straordinarie trasformazioni del design tessile e i cambiamenti della moda avvenuti in un arco temporale in cui il rapporto tra tradizione e modernità, tra unicità del prodotto artistico e replicabilità del prodotto seriale, diventano il tema di un acceso dibattito sulle arti applicate.
Testimoni di questo lungo percorso le opere di famosi disegnatori tessili e creatori di moda come William Morris, Mariano Fortuny, Raoul Dufy, Gio Ponti, Lucio Fontana, Elsa Schiaparelli, Maria Monaci Gallenga.
BIGLIETTI: intero € 8 – ridotto € 6
ORARI: martedì – giovedì 10:00 – 15:00; venerdì – sabato 10:00 – 19:00; domenica 15:00 – 19:00- Chiuso lunedì.
INFO: tel.0574.611503

A SIENA al Santa Maria della Scala dal 7 dicembre 2023 al 7 aprile 2024 la Fondazione Antico Ospedale Santa Maria della Scala in collaborazione con la Fondazione Fausto Melotti presenta la mostra “Fausto Melotti. In leggerezza. Un omaggio a Italo Calvino” a cura di Michelina Eremita.
L’esposizione ha l’obiettivo di valorizzare l’affinità culturale ed estetica dei due amici, il rapporto tra il maestro della scultura italiana ma anche ingegnere, musicista e poeta Fausto Melotti (Rovereto 1901- Milano 1986) e il grande scrittore Italo Calvino (Santiago de Las Vegas de La Habana,1923 – Siena, 1985) è stato infatti intenso e ricco di scambi reciproci, sia intellettuali che umani.
Scriveva Calvino ne Le città invisibili : “C’è stato un momento in cui dopo aver conosciuto lo scultore Fausto Melotti, uno dei primi astrattisti italiani, (…) mi veniva da scrivere città sottili come le sue sculture: città sui trampoli, città a ragnatela”.
Il percorso espositivo presenta 22 sculture e molti disegni, abbracciando un periodo che va dal 1935 al 1985.
ORARIO: fino al 14/03 da lunedì al venerdì: 10-17; sabato e domenica: 10-19; chiuso i martedì
Dal 15 /03 tutti i giorni: 10.00-19.00
Dal 23 dicembre al 6 gennaio la mostra è aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00. Chiuso 25 dicembre
BIGLIETTI intero 10.00 €
INFO tel.0577.228744 – www.santamariadellascala.com

Sommario

Recenti