Anziani fragili e nuove forme dell’abitare

Si intitola “Nuove forme dell’abitare per anziani fragili. Idee e proposte nel progetto di San Salvi” l’incontro organizzato dallo Spi Cgil di Firenze e dalla Lega del Quartiere 2 il 18 aprile a partire dalle 9.30 alla Facoltà di Psicologia (Aula Chiarugi) in via di San Salvi 12.
Nuove e impellenti esigenze si manifestano ormai largamente nella popolazione anziana, soprattutto nella fase della vita in cui l’esperienza della fragilità condiziona l’autonomia personale e la vita di relazione. Tale condizione richiede un approccio nuovo ai temi dell’abitare e dei servizi alla persona, al fine di contrastare l’isolamento e anche un eccesso di medicalizzazione degli interventi che accelerano il decadimento e la non autosufficienza delle persone anziane.
I rapidi mutamenti dell’assetto familiare e il progressivo allentamento delle reti parentali, amicali e di vicinato ci indicano l’urgenza di risposte nuove sul versante dell’abitare e della residenza per un crescente numero di persone anziane.
Le tradizionali e necessarie forme di sostegno e assistenza domiciliare, per altro insufficienti anche nel nostro territorio metropolitano, non possono rappresentare l’unica risposta ai bisogni degli anziani fragili. Per di più sappiamo che la gran parte del patrimonio abitativo non è adatto e spesso anche difficilmente adattabile alle persone con limitazioni funzionali. Occorre, quindi, di fronte a queste situazioni destinate ad aumentare significativamente nei prossimi anni, realizzare residenze in cui siano presenti e garantiti, insieme, l’indipendenza abitativa, gli spazi e le opportunità di incontro e di condivisione, sevizi di sostegno all’autonomia, cura leggera e interventi socio sanitari a bassa intensità.
Come Sindacato pensionati Cgil abbiamo da tempo proposto e discusso questo tema organizzando iniziative specifiche in varie zone del territorio metropolitano. In questa prospettiva pensiamo all’area di San Salvi come spazio e occasione di grande potenzialità. Da qui la scelta di un nostro specifico contributo di riflessione sul futuro di questo importante e particolare luogo della città.

Dopo i saluti della Segretaria della Lega Spi Cgil Q2 Patrizia Nocentini e del Presidente Q2 Michele Pierguidi, Mario Batistini della Segreteria Spi Cgil di Firenze introduce gli interventi, coordinati da Angela Protesti della Segreteria della Lega Spi Cgil Q2: «Anziani fragili. Politiche pubbliche tra livello locale e livello nazionale» di Valeria Fargion, Università di Firenze; «Spazi e potenzialità per l’housing sociale nell’area di San Salvi» di Jacopo Ghelli, coordinatore del percorso partecipativo di San Salvi; «Residenze per anziani fragili. Il progetto di Montelupo» di Marinella Chiti, assessore Politiche sociali del Comune di Montelupo Fiorentino; «L’esperienza della Cooperativa L’Uliveto» di Luca Manca, responsabile della struttura; «Nuove forme di residenza per anziani. Le scelte ed i progetti della Città» di Sara Funaro, assessore al Welfare del Comune di Firenze.