Gli over 65 e la tecnologia: la ricerca del Sant’Anna di Pisa

Le persone tra i 65 e i 74 anni sono quelle maggiormente inclini all’utilizzo delle tecnologie digitali, le più favorevoli a sperimentare nuovi strumenti per migliorare la loro vita e la loro salute. È quanto emerge dall’indagine in merito al rapporto tra persone anziane e tecnologie, svolta dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, all’interno del progetto Sociotechlab promosso insieme allo Spi Cgil nazionale.

In particolare nella fascia d’età 65-14 anni, l’80% degli intervistati naviga frequentemente su internet, una percentuale ben più alta di quella registrata dall’ultima indagine Istat del 2019 in cui il dato si fermava al 42%. Sempre secondo lo studio la percentuale degli internauti cala fino al 30% negli over 80. Tra i motivi che impediscono il collegamento alla rete ci sono diversi fattori: la mancanza di una connessione (per il 14% degli intervistati) oppure di uno strumento adeguato come computer, tablet o smartphone (con percentuali che vanno dal 17% al 71%) o ancora delle competenze nell’utilizzare queste tecnologie (10%).

I servizi più utilizzati  sono le prenotazioni di visite ed esami, di vaccinazioni e le prescrizioni elettroniche. Molto limitato invece è il ricorso agli strumenti digitali per il monitoraggio della propria salute che viene utilizzato da meno dell’8% nella fascia d’età 65-74 e da meno del 3% per le altre classi d’età. Sul sito di Collettiva è possibile consultare l’indagine completa.

Sommario

Referendum

Puoi firmare nelle nostre sedi e online su cgil.it/referendum

Recenti