Si è concluso il progetto sperimentale di Dynamo Camp: il commento di Andrea Brachi

Si è concluso il progetto sperimentale di Dynamo Camp, che ha visto protagonisti circa 50 pensionati over 70. Nella tre giorni, i pensionati si sono dedicati all’arrampicata, al tiro con l’arco, alla piscina e ai laboratori artistici accompagnati dai giovani volontari Dynamo.

Il commento di Andrea Brachi, SG Spi Pistoia

Non è facile immaginare 50 pensionati over 70 che si dedicano all’arrampicata, al tiro con l’arco, alla piscina e ai laboratori artistici. Quando Dynamo Camp, mesi fa ci ha proposto questo progetto sperimentale, avevamo mille dubbi e anche loro avevano le nostre stesse perplessità: era la prima volta che aprivano le porte a un gruppo di anziani. Nessuno poteva sapere, avere la certezza che il progetto si potesse realizzare come l’avevamo pensato. E invece tutto è filato via liscio. 50 pensionati provenienti da Pistoia, Prato, Pisa, Arezzo, Cesena, Viareggio si sono lasciati andare, accompagnati dai giovani volontari della Dynamo e hanno passato tre giorni indimenticabili. Abbiamo toccato con mano lo splendido lavoro che Dynamo compie a favore di bambini e adolescenti affetti da malattie croniche, in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione, coinvolgendo le famiglie.
I volontari ci hanno accompagnati, coinvolti, divertiti, istruiti, sollecitati. Abbiamo imparato tante cose, si è creato un clima di rispetto e ascolto, sempre accompagnato dal sorriso. Permettetemi anche di spendere qualche parola per esprimere il mio stupore, la mia gioia nel vedere questi “diversamente giovani” che si arrampicavano sugli alberi, che si lasciavano andare nel vuoto, che tiravano con l’arco, che cantavano e ballavano e che, curiosi come sono gli anziani, si informavano, si stupivano e si commuovevano. Abbiamo saputo dimostrare che siamo parte attiva di questo mondo e che non siamo disposti a farci relegare da una parte. Dynamo, i suoi dipendenti, i volontari hanno saputo farci sentire
parte attiva e viva del progetto e ci hanno donato tante sensazioni positive. Un ringraziamento pertanto a tutti loro, a chi era davanti, ma anche ai tanti che erano dietro le quinte (senza di loro nulla sarebbe stato possibile). Grazie alla Lega SPI CGIL della Montagna che ha accettato da subito questa scommessa, chiedendoci di supportarla. Grazie ad Alberta, Mina e Luana che hanno condiviso con me le difficoltà nell’organizzare questo evento. Spero davvero che sia possibile ripetere il prossimo anno questa esperienza. Vogliamo dirlo a Dynamo: noi ci siamo! E per finire vorrei ricordare una frase che campeggia all’interno della struttura che ci ha ospitato: “Sono sempre i sogni a dare forma al mondo”. Ecco in questi tre giorni ci siamo sentiti parte attiva di un sogno che vorremmo vedere realizzato. Noi pensionati amiamo sognare, ma anche lottare per realizzare.

 

 

Sommario

Referendum

Puoi firmare nelle nostre sedi e online su cgil.it/referendum

Recenti