Presentazione del libro”Calenzano 1951-1971. Le trasformazioni economiche e sociali di un territorio”

Venerdì 30 settembre alle ore 17 presso Civica, la biblioteca comunale di Calenzano, verrà presentato il libro di Costanza GoriCalenzano 1951-1971. Le trasformazioni economiche e sociali di un territorio”, edito da Florence Art Edizioni. Il libro gode del patrocinio del Comune di Calenzano ed è un progetto della Lega SPI-CGIL di Calenzano.

Saranno presenti, oltre all’autrice del volume, Mauro Martini, sindaco di Calenzano dal 1980 al 1990, l’attuale sindaco Riccardo Prestini, Auro Lombardi, Presidente dell’Istituto Gramsci Toscano, Marco Romagnoli, esperto del Distretto Tessile Pratese, Alessio Gramolati, segretario Generale Spi Cgil Toscana, Stefano Casini Benvenuti, direttore Irpet dal 2011 al 2020.

Il libro approfondisce le trasformazioni economiche e sociali che sono avvenute in questo territorio in un determinato periodo storico. Calenzano nei primi anni ’50 del secolo scorso, a differenza degli altri comuni della Piana fiorentina, aveva un carattere prettamente agricolo, con una minoranza della popolazione dedita ad attività manifatturiere ed estrattive. Dalla fine degli anni ’50, e soprattutto nel decennio successivo, quello che definiamo il “miracolo economico calenzanese” ha reso Calenzano una delle aree più dinamiche della Toscana centrale. Un percorso di crescita riconducibile ad alcuni fattori tra i quali la costruzione dell’Autostrada del Sole con l’apertura del casello calenzanese; l’inserimento di un’ampia area del territorio comunale fra le zone del Paese “economicamente depresse” con relativi benefici fiscali e finanziamenti agevolati per chi vi localizzava attività industriali e, infine, la qualità delle amministrazioni comunali di quegli anni, con sindaci formatesi nella Resistenza, nella lotta di liberazione e nella ricostruzione post-bellica, particolarmente sensibili ai temi dello sviluppo e delle trasformazioni economiche e sociali del territorio.

 

calenzano

Sommario

Referendum

Puoi firmare nelle nostre sedi e online su cgil.it/referendum

Recenti