Pianeta Salute 8. Il mal di stomaco

Ospiti della rubrica Stefano Grifoni, direttore del Pronto Soccorso di Careggi e Franco De Felice, giornalista.

 

Dopo aver affrontato nelle precedenti rubriche il mal di testa e il dolore toracico, oggi parliamo del mal di stomaco. Un dolore molto diffuso tra la popolazione, che spesso viene sottovalutato. Come si può associare a patologie più gravi?

Lo stress spesso è alla base del mal di stomaco della gastrite o gastroduedenite. Ma il dolore allo stomaco non si esaurisce a questo. Il dolore potrebbe derivare da disturbi di altri organi, come il pancreas. In questo caso il dolore è molto violento ed è spesso legato al vomito, diverso dal mal di stomaco o dalla ulcera gastrica, che deriva da un mal di stomaco comune non curato. 

Il mal di stomaco più raramente può essere associato a malattie cardiache, come l’angina, che interessa la parte anteriore del cuore e sconfina all’interno dell’addome, o agli infarti inferiori del miocardio. 
Per stabilire con certezza una diagnosi differenziale ci si basa sull’uso di farmaci o di antiacidi per bloccare la secrezione gastrica e limitare o far scomparire il dolore. Nel caso in cui questi farmaci hanno effetto, abbiamo prova che il dolore viene dallo stomaco e non da altri organi.

Per curare il mal di stomaco è importante imparare ad ascoltarsi per capire in quali momenti della giornata si manifesta e a quali abitudini è associato. È importante distinguere una gastrite da una gastroduodenite, che invece è legata ad emorragie, e in questo caso bisogna porre attenzione al colore delle feci. Se il colore cambia bisogna rivolgersi immediatamente al proprio medico curante.