Pensioni, non si dovrà restituire lo 0,1% della rivalutazione ricevuta nel 2015

rivalutazione-pensioni

I pensionati non dovranno restituire lo 0,1% della rivalutazione ricevuta nel 2015. Il governo infatti ha presentato in Commissione Affari costituzionali del Senato un emendamento al decreto Milleproroghe con cui congela e fa slittare all’anno prossimo la restituzione di queste somme.

Questo il testo dell’emendamento: “All’articolo 1, comma 288, della legge n. 208 del 28 dicembre 2015, le parole: ‘in sede di rivalutazione delle pensioni per l’anno 2016’ sono sostituite dalle seguenti: ‘in sede di rivalutazione delle pensioni per l’anno 2017’”.

Pur trattandosi di pochi euro lo Spi Cgil aveva chiesto al governo di intervenire per evitare un ulteriore danno per milioni di pensionati.

“I pensionati non dovranno quindi restituire nulla”, riferisce il Segretario generale dello Spi Cgil Ivan Pedretti su Facebook. “Un altro problema è stato risolto. Bene”.