Dall’antifascismo delle idee all’antifascismo delle azioni

Proprio un anno fa, insieme ai giovani della Rete degli Studenti Medi, lo Spi Cgil Toscana ha lanciato il Manifesto dello “Studente Antifascista” con lo scopo di attualizzare l’antifascismo, vissuto in un nuovo contesto sociale, valutando anche il grado di consapevolezza e conoscenza a partire dai giovani. Varie sono state le iniziative, dalla raccolta di firme, ad assemblee pubbliche che hanno visto il Sindacato insieme ai giovani della Rete per (ri)creare quel filo rosso che lega le vecchie e le giovani generazioni.
Continua poi la tradizione di un rapporto di collaborazione con il Comune di Stazzema che negli anni si concretizza con un contributo a favore del Parco Nazionale della Pace. Lo Spi Cgil ha poi accolto favorevolmente l’iniziativa, lanciata nel 2018 dal Comune di Stazzema tendente a mantenere vivo il carattere antifascista, in un momento difficile per la nostra storia repubblica, attraverso un’Anagrafe Antifascista.
Di questo e della campagna per il prossimo anno che avrà come slogan “Dall’antifascismo delle idee all’antifascismo delle azioni” coinvolgendo in questo progetto varie scuole della Toscana, si parlerà il prossimo 28 febbraio nel corso dell’iniziativa pubblica all’Hotel Albani (via Fiume 12 a Firenze). Introdotti dalla Segretaria generale dello Spi Cgil Toscana Daniela Cappelli, intervengono il sindaco di Stazzema Maurizio Verona, la coordinatrice regionale Anpi Toscana Vania Bagni, e Elisa Porciatti della Rete degli Studenti Toscana. Conclude il Segretario generale nazionale Spi Cgil Ivan Pedretti.