Cgil, Cisl e Uil insieme nelle piazze italiane il 14 ottobre

volantino-immagine-1

Cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani, garantire una sanità per tutti, rinnovare i contratti. Sono questi alcuni dei temi più importanti al centro della mobilitazione nazionale che Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato per il prossimo 14 ottobre. A Firenze appuntamento in piazza della Repubblica dalle 10 alle 13.

“Saremo in piazza – spiega il segretario confederale della Cgil, Nino Baseotto, intervenuto su RadioArticolo1 – perché se è vero che c’è qualche debole segnale di ripresa, allora ci sarebbe un’unica cosa da fare: mettersi nelle condizioni di agganciarla. Invece la nostra sensazione è che le politiche economiche e sociali che si stanno mettendo in atto non siano in grado di consentire all’Italia di farlo. E questo è un guaio, perché gli altri paesi marciano a un passo più spedito del nostro”.

Nell’intervista Baseotto sottolina anche il valore della mobilitazione unitaria, in una fase in cui in tanti sparano a zero sulla capacità dei sindacati di rappresentare gli interessi di cittadini e lavoratori. “Chi un tempo faceva il presidente del Consiglio, senza grandissima fortuna per altro, ci ha definiti dei puffi. Ebbene, non so se i puffi siano testardi, so però che abbiamo lavorato testardamente con Cisl e Uil per tenere vivo un filo di discussione e di iniziativa unitaria. Si poteva fare di più? Certo, ma anche di meno. E io credo che sia importante il fatto che sabato staremo insieme in tutte le piazze italiane con presìdi e manifestazioni per parlare delle pensioni dei giovani, dell’occupazione, della sanità e dei contratti. È il segnale che il sindacato c’è”.

L’articolo integrale con l’intervista a questo link: http://www.rassegna.it/articoli/piazze-ditalia-insieme-il-14-ottobre.

Qui si può scaricare il volantino della manifestazione con l’articolazione di tutti i punti al centro della mobilitazione.