Cecina, i sindacati pensionati contro il Comune

comune-cecina-1

I sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil contro il Comune di Cecina (Livorno): “Le nostre richieste di confronto su problematiche importanti che riguardano il territorio sono state inascoltate”, sottolineano; su tutte, quella di abbassare le tariffe delle imposte locali.
Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil chiedono da tempo che sia riaperto un tavolo di confronto con l’amministrazione comunale, e che sia aggiornato il protocollo siglato ad inizio legislatura – impegni che l’amministrazione si era presa mesi fa – che riguardava imposte locali e altre problematiche che riguardano la popolazione anziana. Interventi sollecitati e che non hanno avuto alcun riscontro.
“L’amministrazione dovrebbe rivolgere lo sguardo verso la popolazione, pensionati e non solo che si sono trovati impoveriti dalle ‘non riforme’ governative. Alcuni aggiustamenti sulle imposte locali potrebbero dare un sollievo economico alle famiglie a basso reddito” dicono i sindacati che, accanto alla revisione delle aliquote, avanzano proposte che riguardano anche la vita quotidiana, come il posizionamento di panchine e relativi cestini sul tratto di viale della Repubblica, trovando ubicazioni più idonee ai cassonetti dei rifiuti.
C’è insomma bisogno di “discutere di Irpef comunale, sicurezza dei parchi giochi, barriere architettoniche, manutenzione delle strutture pubbliche come il cimitero, raccolta differenziata” concludono i sindacati. La richiesta di confronto con l’amministrazione comunale viene dunque rinnovata.

(da “Il Tirreno” 31_01_2018)